Roma - 11/07/2020
Chiamaci al numero +39 06 4818313

News


Stato di agitazione alla SO.GE.SI. di Cannara


Dopo l'assemblea dei lavoratori

25/06/2020

Aperto lo stato di agitazione alla SO.GE.SI di Cannara da parte dei 57 lavoratori del sito umbro. È quanto deciso al termine della partecipata assemblea che si è tenuta per fare il punto della situazione all’indomani della comunicazione di esuberi da parte dell’azienda. Il motivo è da ricondursi alla perdita degli appalti nelle strutture sanitarie pubbliche di Umbria e Lazio. La SO.GE.SI ha spiegato ai sindacati che, proprio in base a quanto accaduto, tutto il personale di Cannara è da considerarsi in surplus. L’UGL Chimici, unitamente alle altre organizzazioni sindacali, ha così annunciato l’apertura dello stato di agitazione: “Da parte dei lavoratori – spiega il segretario provinciale UGL Chimici Terni Diego Mattioli – c’è rabbia e timore di dover perdere il proprio posto di lavoro. Capiamo perfettamente il loro stato d’animo e da parte nostra ci sarà il massimo impegno per trovare ogni possibile soluzione positiva. Innanzitutto occorre trovare la strada per garantire gli ammortizzatori sociali alle 57 famiglie il più a lungo possibile, sfruttando questo tempo per cercare nuove soluzioni in grado di garantire la continuità lavorativa. Sappiamo che la SO.GE.SI. ha vinto altri appalti in sedi diverse da quella umbra e Cannara potrebbe accogliere i materiali da lavorare. Questa potrebbe essere una delle soluzioni percorribili. Dunque, aspettando le risposte da parte dell’azienda – conclude Mattioli – proclamiamo lo stato di agitazione dell’intero personale”.